il progetto

La tenuta Argentaia, con i suoi 80 ettari, sorge in località Banditaccia, a pochi minuti dal comune di Magliano in Toscana. Un luogo semplice e solitario, ma incastonato in un territorio prezioso, ricco di insediamenti di epoca etrusca e medievale, come il suggestivo monastero di San Bruzio, risalente all’XI secolo e facilmente raggiungibile anche a piedi. Avventurandosi in queste terre, non si può far altro che restarne rapiti. Visitare la Tenuta Argentaia impone di entrare in contatto con il proprio io interiore, creando un legame quasi simbiotico con l’ambiente circostante, che sazia l’anima e il corpo.Il nucleo principale risale presumibilmente al medioevo ed è costituito dai resti di un convento di monache di clausura. L’accurato restauro posto in essere ha permesso di riportare alla luce gli antichi elementi ed è stato condotto nel pieno rispetto delle forme e dei materiali, lasciando inalterate tutte le caratteristiche architettoniche dell’edificio originario.

Partendo da qui è nato il progetto di un borgo medioevale realizzato oggi, ma secondo le regole di ieri, in un costante esercizio di semplicità e rigore. Il risultato è una struttura imponente, costituita da 3 torri, con piscina a livello, dove gli ospiti potranno sperimentare la vita monastica e vivere e assecondare i ritmi nella natura, riappropriandosi così del tempo e dello spazio. Il progetto è ancora in fase di completamento, sotto l’attenta guida dell’architetto Edoardo Milesi. L’impatto sul territorio è minimo: le torri si integrano perfettamente nel paesaggio circostante e sono costruite in materiali eco-sostenibili, secondo le antiche regole medioevali. Arrivando, oltre il giardino, una porta d’accesso consegna alla struttura. L’ingresso è un corridoio buio, che rivela caverne di luce. L’atmosfera quasi rarefatta che vi si respira crea una frattura con il mondo circostante e conduce il visitatore in un contesto essenziale e rigoroso dove domina il rifiuto delle mode e che non mira ad alcuna forma di spettacolarizzazione, ma che riesce ugualmente a stupire.